Vagary, il primo step della qualità

Si parla molto spesso del progetto di Citizen, una mission che il colosso nipponico ha assunto fin dal 1927, anno della sua fondazione, e che è statoIA8-270-50 esplicitamente dichiarato nel 1931 con il nome del brand, suggerito dall’allora Sindaco di Tokio, il quale auspicava che un giorno tutti i “cittadini” potessero usufruire di un proprio orologio.

Oggi il progetto è, come si suol dire, in avanzata fase di realizzazione, attraverso i molteplici successi che Citizen ha raggiunto, l’alto tasso tecnologico dei suoi prodotti e la pluralità di modelli a catalogo.

In una visione moderna del mercato dell’Orologeria, Citizen ha organizzato la propria offerta attraverso la creazione di vere categorie di prodotti, che nella loro complementarietà raggiungono l’obiettivo di soddisfare ogni esigenza.

Abbiamo infatti diverse fascie di orologi, le quali partono dai modelli di base, passando attraverso a offerte maggiormente tecnologiche, in un crescendo che conduce al massimo della tecnica raggiungibile grazie agli studi più avanzati.

Il denominatore comune di tutti questi orologi, però, è l’alto grado di efficienza e affidabilità, che fa in modo che anche l’orologio più economico sia posizionato su un livello qualitativo di eccellenza.

Le differenze di funzioni e quindi di prezzo sono le uniche discriminanti, per fare in modo che un utilizzatore non debba spendere denaro per acquisire caratteristiche che non gli servono o che non gli aggradano.

Il primo step di questa scala di valori è costituito dalle collezioni di Vagary by Citizen, che è ormai divenuta un brand stand-alone e che sfonda letteralmente il mercato ad ogni proposta in virtù del rapporto qualità prezzo che più che conveniente appare incredibilmente favorevole.

Vagary è caratterizzata da orologi a quarzo di ultima generazione che comprendono i modelli cosiddetti “solo tempo”, i quali indicano le funzioni base di ora, minuti e secondi, e al massimo collezioni con cronografo.

L’alimentazione è a batteria, che grazie al ridottissimo consumo dei moduli utilizzati, sono in grado di garantire un funzionamento ininterrotto di almeno due anni.

Queste collezioni sono una vera e propria opportunità per chi non nutre riserve nei confronti del cambio della pila, e occupano una fascia di accessibilità estremamente conveniente.

Per un orologio allineato sul livello di qualità Citizen, in acciaio anallergico e in regola con le recenti disposizioni in materia di utilizzo di materiali, o in acciaio trattato in PVD, oppure ancora in un’indistruttibile leggera fibra sintetica, Vagary possiede un entry-level di soli €. 49,00, con una garanzia di due anni e un’assistenza fornita dai Centri Citizen.

I cronografi, a seconda del grado di difficoltà costruttiva della cassa, variano in un range di riferimento che copre da €. 89,00 fino a €. 109,00, con pochissime deroghe a questa regola.

L’esempio illustrato dalla fotografia si riferisce al modello Vagary IA8-270-50, costruito ad immagine dei Citizen più sofisticati, con la tipica colorazione verde acceso che caratterizza gli ultimi modelli.

La cassa è in PVD nero anti graffio, il cinturino è in polimero di ultima generazione. L’impermeabilità è garantita addirittura fino a 10 atmosfere, e ci consente tranquille e serene immersioni nella nostre escursioni marine in apnea.

La filosofia Citizen, di cui si parlava in apertura di articolo, sono confermati dai fatti. Le collezioni di Vagary non sono assolutamente di “pura rappresentanza”, con pochi modelli buttati lì per coprire la fascia.

Al contrario, Vagary dispone di un catalogo ricchissimo, quasi al pari di Citizen, in grado di mettere nel classico imbarazzo della scelta chiunque si avvicini ad esso.

Citizen, nella sua accezione propria, invece, copre tutte le altre fasce di prodotti, che offrono la comodità di non cambiare mai la batteria, in virtù del formidabile sistema proprietario Eco-Drive, le funzioni di radio-controllo, per un allineamento costante al segnale orario ufficiale diffuso dalle apposite stazioni, fino ad arrivare al recente sistema di ricezione satellitare, il cui primo prototipo è esaurito sul mercato e che costituisce uno dei migliori “affari” collezionistici del nostro secolo.

Da queste analisi deriva inoltre l’alta valenza sociale della mission di Citizen, che con Vagary ottiene una capillarità di diffusione che a questo alto livello qualitativo non si era mai verificata e che sembrava impossibile da raggiungere.

Vagary by Citizen: fatti e non parole!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *