Un Guinness per l’Orologeria

Come tutte le discipline tecniche, anche l’Orologeria ha i suoi record.

Si tratta di primati strabilianti che la maggior parte delle persone, e persino degli appassionati, non conoscono, ma che sono in grado di affascinare perchè dimostrano l’ingegnosità dell’Uomo.

Probabilmente se fosse istituito un Guinness dei Primati per l’Orologeria, sarebbe uno degli elenchi più lunghi e appassionanti.

Quando ci accostiamo alla vetrina di un Gioielliere per scegliere un orologio, spesso abbiamo modo di stupirci per le dimensioni in alcuni casi eccezionalmente contenute degli articoli esposti, e sicuramente lodiamo il progresso, il quale ha determinato queste possibilità.

Ebbene, forse non tutti sanno che l’orologio da polso più piatto del mondo è stato prodotto da ETA s.a., il produttore svizzero oggi di proprietà del colosso Swatch Group, già nel corso degli anni ’70.

L’orologio, con meccanismo a quarzo, fu battezzato “Delirium”, e il suo spessore fu contenuto sotto il millimetro. Esattamente mm. 0,98.

Per rendere estreme le sue dimensioni finali, il movimento, rigorosamente a quarzo e per il quale fu necessario creare una batteria ad hoc, fu integrato nel fondello posteriore.

Il quadrante fu studiato in modo da avere una parte circolare centrale abbassata rispetto al piano, in modo da poter ospitare le lancette.

Il primo a commercializzare “Delirium” fu Longines con il mitico modello “La Foglia d’oro”.

Citizen, alfiere dell’Orologeria giapponese, rispose immediatamente con un altro orologio a quarzo, dello spessore complessivo di mm 1,98, che resta l’orologio più piatto del mondo la cui cassa e smontabile in modo tradizionale in tre parti: lunette per il vetro, carrure e fondello.

Nel 2010 Citizen ha aggiunto un altro primato al suo palmarais: quello dell’orologio a celle solari più sottile del mondo, grazie alla realizzazione del suo splendido 0,45 di soli mm. 4,5 compresa cassa e vetro zaffiro.

Nel settore meccanico, possiamo registrare una serie di primati stabiliti da Jaeger Le Coultre all’inizio del XX secolo.

Correva infatti l’anno 1903 quando Edmond Jaeger creò quello che ancora oggi è il più sottile orologio da tasca del mondo, il cui spessore è di mm. 1,38, a cui seguirono un cronografo da mm. 2,8 e un ripetizione alto solo mm. 2,7.

Delirium, però, pur essendo l’orologio più sottile della Storia, non è il più piccolo.

Questo record spetta ancora a Jaeger Le Coultre con il bellissimo 101 Riviere, un miracolo dell’orologeria integrato in bracciale “tennis” in diamanti, il cui movimento ha le dimensioni di mm. 14 x 4,85 x 3,4 (immagine a sinistra).

Sempre in sfida alla Fisica è il Richard Mille RM027, che si fregia del titolo di orologio più leggero, con il suo peso (si fa per dire) di gr. 3,83.

Per ottenere questo primato, il suo progettista l’ha costruito in una lega di litio con alluminio, rame, magnesio e zirconio.

Scendendo ancor più profondamente nel dettaglio tecnico, è da registrare un record recentissimo, stabilito da Tag-Heuer, che ha prodotto il Mikrogirder, orologio meccanico con bilanciere in grado di oscillare a 7.200.000 alternanze orarie.

L’essenza dell’Orologeria è però quella di costruire misuratori del tempo che siano soprattutto precisi.

Qual’è allora l’orologio più preciso del mondo?

Facile: quello creato nel 2010 dal team del National Institute of Standard and Technology di Boulder, in Colorado, coordinato da Till Rosenband.

Questo orologio è in grado di garantire una precisione di un secondo in 3,7 miliardi di anni, ovvero uno scarto di soli 4″ in 13,7 miliardi di anni, che è più o meno l’età stimata dell’Universo.

Va bene, direte, ma mica lo posso portare al polso!

A questo ci ha pensato Citizen. Grazie al Satellite Wave, l’orologio da polso più preciso del mondo, che ci pone in contatto con 24 satelliti orbitanti attorno al nostro pianeta, possiamo portarci a spasso una precisione di 1″ ogni 10.000 anni, esattamente come l’orologio atomico al cesio collegato con i satelliti.

Restano da soddisfare ancora tante curiosità riguardo a numerosissimi record che sarebbe impossibile inserire in un articolo, ma una in particolare penso possa solleticare la fantasia di un appassionato: qual’è l’orologio più costoso del mondo.

Ebbene, se consideriamo le gemme incastonate su di esso, il record spetta sicuramente al meraviglioso 201-carat di Chopard, che si può acquistare con “soli” $. 25.000.000,00 (immagine a destra); ma se consideriamo orologi che non riportino alcuna gemma sulla cassa, supera tutti il Patek Phillippe Super Complication: $. 11.000.000,00 (foto sotto il titolo): quanti ve ne devo prenotare?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.