Articoli

Un Guinness per l’Orologeria

Come tutte le discipline tecniche, anche l’Orologeria ha i suoi record.

Si tratta di primati strabilianti che la maggior parte delle persone, e persino degli appassionati, non conoscono, ma che sono in grado di affascinare perchè dimostrano l’ingegnosità dell’Uomo.

Probabilmente se fosse istituito un Guinness dei Primati per l’Orologeria, sarebbe uno degli elenchi più lunghi e appassionanti.

Quando ci accostiamo alla vetrina di un Gioielliere per scegliere un orologio, spesso abbiamo modo di stupirci per le dimensioni in alcuni casi eccezionalmente contenute degli articoli esposti, e sicuramente lodiamo il progresso, il quale ha determinato queste possibilità.

Ebbene, forse non tutti sanno che l’orologio da polso più piatto del mondo è stato prodotto da ETA s.a., il produttore svizzero oggi di proprietà del colosso Swatch Group, già nel corso degli anni ’70.

L’orologio, con meccanismo a quarzo, fu battezzato “Delirium”, e il suo spessore fu contenuto sotto il millimetro. Esattamente mm. 0,98.

Per rendere estreme le sue dimensioni finali, il movimento, rigorosamente a quarzo e per il quale fu necessario creare una batteria ad hoc, fu integrato nel fondello posteriore.

Il quadrante fu studiato in modo da avere una parte circolare centrale abbassata rispetto al piano, in modo da poter ospitare le lancette.

Il primo a commercializzare “Delirium” fu Longines con il mitico modello “La Foglia d’oro”.

Citizen, alfiere dell’Orologeria giapponese, rispose immediatamente con un altro orologio a quarzo, dello spessore complessivo di mm 1,98, che resta l’orologio più piatto del mondo la cui cassa e smontabile in modo tradizionale in tre parti: lunette per il vetro, carrure e fondello. Continua a leggere