Tag-Heuer premiata a Ginevra

Il cronografo di manifattura 1887 di Tag-Heuer ha vinto il prestigioso “La Petite Aiguille – Best Watch of the Year Award” al Gran Premio dell’Orologeria di Ginevra.

L’ambito riconoscimento viene assegnato all’orologio che è giudicato il migliore nella fascia di prezzo fino ai Fr.Sv. 5.000,00 (circa €. 4.000,00) da una giuria di super-esperti.

Il Gran Premio di Ginevra costituisce il più prestigioso premio dell’industria orologiera svizzera.

Il Trofeo è stato consegnato nelle mani del Presidente e CEO di Tag-Heuer Jean Christophe Babin, vero artefice dei successi della maison svizzera.

Babin, nel discorso di ringraziamento, ha citato ad esempio il Presidente Onorario di Tag-Heuer, Jack Heuer, descrivendolo giustamente come un autentico genio creativo.

Il premio giunge a coronamento di un grande progetto che ha visto Tag-Heuer concentrata per anni al fine di produrre un altro e nuovo calibro di manifattura.

Questo è solo l’ultimo di grandi riconoscimenti che Tag-Heuer sta collezionando negli ultimi anni, i quali l’hanno vista dominare le scene.

Allo scopo della produzione del nuovo calibro di manifattura, la struttura modulare della sede della maison è stata arricchita di un nuovo padiglione, atto ad ospitare i macchinari robotizzati necessari per la produzione inhouse.

Il calibro 1887, contiene alcune soluzioni tecniche molto significative: la ruota a colonna e il pignone oscillante.

La collezione al cui interno è stato inserito il calibro 1887 nel giorno del suo esordio, è, non a caso la famosa Collezione Carrera, il cui primo orologio è stato disegnato nel 1964 da Jack Heuer.

3 commenti
  1. giovanni mocerino
    giovanni mocerino dice:

    Ciao enrico, come va?spero bene ho letto del calibro tag heuer ma è su base seiko, ho visto alcuni video su you tube sembra uguale. Mi puoi spiegare qualcosina in più?grazie a presto 🙂

    Rispondi
  2. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Ciao giovanni, e grazie per il tuo attento intervento.
    Tag-Heuer ha acquistato anni orsono i diritti intellettuali sul progetto di un cronografo seiko.
    Questo non significa assolutamente che il meccanismo sia uguale a quello che derivava dal progetto originario.
    I tecnici Tag-Heuer hanno eleborato sostanzialmente il progetto di base applicando inoltre le tecniche costruttive tipiche dell’orologeria svizzera.
    Rielaborando un progetto si entra profondamente nel rapporto di ogni singolo componente rispetto ad un altro.
    Acquisendo il progetto Seiko, la Tag-Heuer non ha fatto altro che partire da una base quasi obbligata: per creare uno nuovo calibro non c’è altra via che partire dalla base comune di quanto è già stato inventato in orologeria.
    Ricorda anche che Tag-Heuer è perfettamente in grado di partire da zero nella programmazione: tutti i suoi concept-watch ne sono testimonianza.
    Spero di essere stato esaustivo nell’esposizione.
    Cordialissimi saluti, e ancora grazie per i tuoi interventi.

    Rispondi
  3. giovanni mocerino
    giovanni mocerino dice:

    Enrico sei sempre esaustivo nelle tue risposte, e meriti davvero tanto. grazie ancora.P.S. ho potuto vedere su google immagini le foto inerenti al calibro h410 la citizen ha coperto in modo da nn danneggiare parti delicate cion una pposita piaastra, anche se allo stato grezzo. Cmq la citizen mi ha stupito come una grande casa svizzera.qualità prezzo senza alcuna paragone. ciao enrico

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *