La leggenda di Omega Speedmaster Moonwatch

35705000-20La Storia dell’Orologeria è ricca di aneddoti e di imprese leggendarie.

Una delle più suggestive è legata al più grande viaggio che l’Uomo abbia compiuto: la conquista della Luna.

Questa avventura ha coinvolto emotivamente tutto il globo e tenuto per anni ogni individuo col fiato sospeso in una tensione carica di orgoglio e di curiosità. L’Uomo per la prima volta usciva dal suo ambiente naturale e si tuffava nello Spazio, in una nuova dimensione che ancora oggi ci vede impegnati in quella che è rimasta l’unica frontiera che possiamo abbattere.

Tutto iniziò alla fine degli anni ’50, quando ormai le due super-potenze USA e URSS stavano arrivando rapidamente ai ferri corti: era l’inizio della “Guerra Fredda”.

Gli Stati Uniti sembravano in svantaggio rispetto ai Sovietici, i quali mandarono per primi un uomo nello Spazio: il Colonnello Yuri Gagarin. Urgeva quindi un’impresa eccezionale, e gli statunitensi pensarono che per riguadagnare prestigio avrebbero dovuto vincere la corsa alla conquista del nostro satellite naturale.

Raccolsero quindi tutte le loro risorse alla ricerca degli strumenti migliori.

Per quanto riguardava il segnatempo, non cercarono uno sponsor, data l’importanza dello strumento, il quale doveva essere sincronizzato in modo omega-speedmaster-moonwatch-professional-42-black-31130423001006-4709-6perfetto e dare un’affidabilità eccezionale, anche in considerazione dell’assenza di gravità durante il viaggio e della gravità limitata sulla Luna.

Furono selezionati 10 orologi, acquistati in incognito presso le gioiellerie di Houston, che fossero rigorosamente a carica manuale (l’automatico con gravità limitata sarebbe stato inutile) e con cronografo.

Dopo una serie di banali test furono selezionati tre fra essi: un Rolex, un Longines e un Omega (lo Speedmaster).

Questi orologi furono sottoposti a ben 11 prove che comprendevano test in condizioni estreme di pressione, impermeabilità, resistenza agli urti, sollecitazioni di ogni genere.

In alcune di questi esperimenti il Rolex e il Longines si bloccarono, e in alcuni casi si ebbero mini-esplosioni e mini-implosioni.

Il solo che resistette a tutte queste prove fu Omega Speedmaster, il quale arrivò al termine indenne e sempre preciso. La scelta fu quindi fatta su questo orologio di grande affidabilità.

Ma neppure a questo punto la NASA pubblicizzò la scelta: per loro era uno strumento scientifico come gli altri. Omega si accorse infatti dopo qualche tempo della preferenza a lei riservata dagli uomini di Houston.

Ma c’è un aspetto ancora più intrigante che concorre a rendere leggendario Omega Speedmaster Moonwatch. Durante il viaggio di andata nella missione di Apollo 11, che avrebbe portato Armstrong e Aldrin a calpestare il suolo lunare, l’orologio elettronico della navetta spaziale si guastò. Neil Armstrong, comandante della missione, si tolse dal polso il suo Omega Speedmaster e lo appese al posto dell’orologio a muro.

31130423001006backÈ quindi questa la vera grande e irripetibile impresa di Omega Speedmaster: regolò i tempi ufficiali della missione spaziale, compresi gli appuntamenti micrometrici con l’impatto con l’atmosfera per il rientro e il rendez-vous per l’aggancio del modulo lunare con la navetta, riportando a Terra sani e salvi i 3 astronauti.

Per la Storia, quindi, è utile sapere che il primo orologio che arrivò sulla Luna fu quello di “Buzz” Aldrin, perché Neil non portava alcun orologio al polso.

Questa è la storia del primo e unico orologio che sia stato sulla Luna: Omega Speedmaster, segnatempo di tutti gli astronauti della missione Apollo.

Oggi Omega Speedmaster Moonwatch è ancora in produzione nella versione fedele di quello che fu scelto per le missioni lunari, ed è ancora uno tra i più affidabili e precisi orologi del panorama orologiero mondiale, e grazie alla sua confezione commemorativa, che contiene la medaglia commemorativa, due bracciali tra cui quello della tuta spaziale, un lentino personalizzato, attrezzi e accessori, è ambito da tutti gli appassionati e i collezionisti: un vero “assegno circolare” che continua a guadagnare valore nel tempo.

Omega Speedmaster Moonwatch è disponibile nella versione vintage, referenza 31130423001005 che ripropone esattamente lo stesso orologio che è stato sulla Luna, con vetro hesalite e fondello chiuso, ma anche in una versione identica, referenza 31130423001006 che monta vetro in zaffiro e un fondello trasparente per apprezzare il meccanismo originale.

Questi orologi sono pressoché sempre presenti nel nostro stock, e se non li trovate disponibili online alla pagina della Collezione Speedmaster di Omega, potete ordinarlo o prenotarlo telefonicamente chiamando il numero 0184.504440 o scrivendo a [email protected]: otterrete le migliori condizioni possibili.

 

 

1 commento
  1. Marco
    Marco dice:

    Bellissima storia!

    La conoscevo per sommi capi, ma scritta così nel dettaglio è proprio interessante.
    L’Omega è un orologio fantastico che ha dei prezzi molto interessanti per la sua storia.

    Saluti
    Marco da Padova

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.