Non si è mai visto un Blancpain a quarzo, e non lo vedremo mai!

Ospitiamo oggi sulle pagine del nostro blog, la manifattura orologiera più prestigiosa e antica del mondo: Blancpain.

Nata nel 1735 a Le Brassus, nella Val di Joux, la manufacture segue da quasi tre secoli l’identica filosofia del suo fondatore, votato a creare meccanismi destinati a stupire per le funzioni complicate e per aver osato là dove nessuno era mai riuscito.

Gustiamo questo filmato cliccando sull’immagine qui sotto:

 [video_lightbox_youtube video_id=ARsR8UXKUYk width= 899 height=531 anchor=”http://img.youtube.com/vi/ARsR8UXKUYk/0.jpg”]

All’interno della Fattoria Blancpain, non c’è alcuna traccia delle moderne catene di montaggio, ma esclusivamente mastri orologiai intenti a creare capolavori.

Si tratta infatti di una delle rarissime realtà orologiere in cui un orologio viene assemblato a mano dall’inizio alla fine.

Nessun robot può competere con l’Uomo quando si tratta di rifinire, verificare e calibrare al millesimo di millimetro gli ingranaggi di una macchina perfetta.

Ne sono prova e testimonianza gli innumerevoli primati e record mondiali che la maison ha conseguito durante la sua leggendaria esistenza.

Forse non tutti sanno che è a Blancpain che si deve l’automatico, costruito appunto dalla maison su commissione di Harwood.

Oppure la creazione del favoloso calibro 1735, il movimento non unicum con il maggior numero di complicazioni: tourbillon, calendario perpetuo, ripetizione minuti e cronografo rattrappante, per un totale di 740 componenti e 44 rubini.

I record di Blancpain sono innumerevoli e riempirebbero le pagine di un ipotetico Guinness dedicato all’Orologeria.

Ma la caratteristica che rende impareggiabile questo prezioso ed esclusivo marchio è il fascino donato dal sapere che ogni orologio è costruito da un unico mastro orologiaio, il quale ha trasferito sull’esemplare il proprio personale carattere.

Le finiture sono presenti, come voleva Steve Jobs per i suoi prodotti, anche nei punti celati allo sguardo, e raggiungono un livello straordinario.

I mastri orologiai di Blancpain effettuano abitualmente lavorazioni perlage, cotes de Geneve, lucidature a specchio, e rigorosamente a mano l’anglage.

Per questo motivo Blancpain merita il posto di riguardo che occupa nell’Orologeria Mondiale, quello che spetta a chi ha dato il via alla creazione di segnatempo artistici, e che ancora oggi propone i suoi prodotti con lo stesso spirito e amore di quasi 300 anni orsono.

Nel momento di maggiore crisi dell’Orologeria Svizzera, e precisamente tra gli anni ’70 e ’80 del secolo scorso, quando il quarzo pareva aver soppiantato la meccanica, da Blancpain si affermò con orgoglio: “Non avete mai visto un Blancpain a quarzo, e non lo vedrete mai”.

Fu allora che la maison decise di riscoprire le complicazioni sugli orologi da polso, certa che la propria arte sarebbe sopravissuta nel tempo.

E ha avuto ragione.

Oggi Blancpain produce orologi che vanno dal solo tempo alla ripetizione minuti con automi, a svegliarini, passando attraverso tourbillon o equazione del tempo marchante, e altro ancora, ma con il comune denominatore di un’esclusività e una perizia manuale e artigianale maturata in 3 secoli di esperienza.

Blancpain è l’Arte dell’Orologeria.

I punti vendita Blancpain sono tra i più esclusivi del mondo, ed è difficilissimo che la maison ne crei nuovi.

In Italia è stato aperto recentemente solo un punto vendita a Firenze.

Non è escluso li si possa avere a Sanremo molto presto, presso Cannoletta Antica Gioielleria nel punto vendita di prossima apertura in Via Matteotti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *