Longines Conquest, arrivano?

Ci siamo! O almeno così parrebbe.

Finalmente torneranno ad essere presenti nelle vetrine i ricercatissimi Longines della Collezione Conquest e Hydro-Conquest, che hanno creato non pochi imbarazzi a Concessionari e Distributori.

E’ arrivato infatti un esemplare della linea Conquest, e precisamente la referenza L3.660.4.76.5.

E’ vero che in un momento come questo, una crisi di abbondanza nella domanda di un prodotto di fascia alta come Longines, può effettivamente far piacere perchè invita all’ottimismo. Ma è altrettanto innegabile che il non poter consegnare e men che meno mostrare un orologio così richiesto, crei frustrazione tra gli addetti ai lavori.

Ma quali sono le ragionbi del successo di questa linea così richiesta?

Innanzitutto è il rapporto qualità-prezzo, per cui Longines è considerata primatista nel settore dell’Orologeria, e che in questa collezione raggiunge delle vette veramente inaspettate.

Ma non è da trascurare neppura la serie interminabile di caratteristiche salienti utili e affidabili, che tutti questi orologi sono in grado di sfoggiare.

Disponibili con cinturino in pelle naturale idrorepellente con chiusura deployante, come il modello illustrato in fotografia, oppure con il bracciale in acciaio e chiusura di sicurezza, nessuno di essi rinuncia a corona e fondello a vite, i quali, sommati alla grande accuratezza di costruzione delle casse, alla scelta impeccabile delle guarnizioni e dei vetri zaffiri, con relativi trattamenti, fanno dei Conquest, e ancor di più dei loro fratelli “aquatici” Hydro-Conquest, quanto di più sicuro possa esserci attualmente sul mercato dei segnatempo da indossare in acqua.

Ma in questo caso Longines ha raggiunto l’evccellenza non solo nella tecnica, ma anche nell’estetica e nel design indovinando il gusto del momento e offrendo un ventaglio di opzioni veramente sorprendente.

I Conquest e gli Hydro-Conquest possono essere scelti della misura più adatta al nostro polso, variando da un modello all’altro, identici nelle proporzioni e nell’immagine, di 2 mm. l’uno dall’altro.

In aggiunta a ciò, l’utente interessato può addirittura scegliere estetica, colore e dimensioni, per poi decidere successivamente se acquistare l’orologio a quarzo o meccanico a carica automatica.

Questa facoltà offerta dal brand della clessidra alata, lo pone all’avanguardia nel gruppo dei marchi più vicini alle esigenze dei consumatori, coccolandoli in ogni scelta e desiderio, che sicuramente non cadranno insoddisfatti.

A questo punto è quasi banale chiedersi i motivi di un successo così folgorante.

Il problema dell’introvabilità dei modelli più caratteristici di queste due linee, stava quindi dimostrandosi più grande di ogni previsione.

Con l’arrivo, seppur alla spicciolata dei primi Conquest e Hydro-Conquest, affacciatisi nuovamente e recentissimamente in distribuzione, si torna a sperare.

Un consiglio disinteressato: chi fosse interessato anche solo a indossarlne uno o fosse incuriosito e volesse vederne uno da vicino, si rechi dal più vicino Concessionario Longines e ne prenda visione: potrà sicuramente dire di aver indossato … un fenomeno di mercato.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.