Longines Conquest 1954, solo per 600

Il 1954 è stato un anno magico per l’Orologeria.

Mai come in quegli storici 365 giorni sono stati prodotti segnatempo epocali, che hanno segnato profondamente l’evoluzione orologiera in tutti gli ambiti, sia tecnico che estetico.

image002Gli appassionati sono in grado di ricordare tutte le emissioni di quel periodo eroico, ma una in particolare ha inciso nella memoria di ogni appassionato un segno indelebile, tanto da essere stata sempre ripetuta a catalogo per tutti questi anni.

Si tratta del primo Conquest, orologio che ha dato successivamente il nome a numerose linee di prodotti di Longines, e che gli estimatori del marchio continuano ad apprezzare.

La maison dalla clessidra alata ha deciso quest’anno di presentare a Basilea una versione commemorativa in serie rigorosamente numerata e molto esclusiva consistente in soli 600 esemplari per tutto il mondo, della versione in acciaio di Conquest, che viene proposta con il nome di “Longines Conquest Heritage 1954” e con la codifica L1.611.4.70.4.

In realtà è stata effettuata anche un’emissione di 60 esemplari numerati in oro rosa, che però risultano già esauriti in prenotazione prima della distribuzione.

Il numero particolarmente esiguo di esemplari ha creato tra i professionisti del settore, ma soprattutto per gli appassionati e i collezionisti, una vera corsa al prodotto, tale da mettere in imbarazzo le strutture solidissime e austere di Swatch Group, sebbene avezze a questi “assalti alla diligenza” dei loro ambiti prodotti.

Se pensiamo che i Concessionari Longines in Italia, destinati a diminuire nel numero, sono a tutt’oggi più di 100, si spiega da sola la penuria e la difficoltà di reperimento di questo ammiratissimo orologio.

Da Cannoletta Antica Gioielleria, a Sanremo, ne sarà dispoinibile un esemplare entro la prossima settimana, e chi è interessato potrà visionarlo nel punto vendita di Via Palazzo, 50.

L’attesa vale la candela, come la prudenza, di prenotarsi, essendo ben note le caratteristiche di questo segnatempo che costituisce la scelta più sicura in ambito di Alta Orologeria.

La forma rotonda e la dimensione canonica per uomo, compresa nei classici mm. 35,0, accompagnarono all’epoca e anche oggi la trovata al tempo rivoluzionaria della finestrella della data posta a ore “6”, che uscì in modo elegante e sobrio, ma grintoso, dalla piatta classicità degli anni ’50, decennio in cui il design si affermò con la sua attuale accezione culturale.

Se l’inizio del terzo millennio è stato caratterizzato dal piacere del vintage intelligente, Longines Heritage 1954 ne rappresenta l’espressione più pura e lampante.

Quadrante rigorosamente bianco, ma non laccato, anzi finemente setato nella parte centrale, con un nuance delicata che sottolinea il giro delle ore, che esalta gli index dorati.

Quella del contrasto tra la doratura di lancette e, appunto gli index, fu una rivoluzione concettuale che aprì le porte nel decennio successivo all’ìesplosione della richiesta di orologi bicolori, ovvero con cassa e/o bracciale in acciao e oro, e ha costituito un ulteriore motivo per considerare Longines Conquest un precursore del settore.

Un’altra peculiarità estetica fu l’abbinamento del logo del brand che compariva in stampatello, sopra la clessidra alata metallica e in rilievo, a contrastare con le indicazioni “Automatic” e “Conquest” per cui fu scelto un elegante corsivo inglese.

Oggi ritroviamo tutte queste ricercatezze nel nuovissimo ed esclusivo L1.611.4.70.4, che si distingue dal modello originale solo per essere animato da un movimento, chiaramente meccanico a carica automatica come la versione 1954, ma di ultima generazione, fabbricato in house in ambito di proprietà del gruppo, che garantisce affidabilità e durabilità eccellenti, in aggiunta alla consueta precisione degli orologi Longines.

La maison è, come sappiamo, una delle poche al mondo a vantare una tradizione orologiera consolidata, ed è puntuale nei controlli di qualità, i quali hanno raggiunto livelli di severità molto elevati. Non esce un movimento dagli stabilimenti Longines se non dopo aver superato i più elaborati test, non ultimo quello del controllo al cronocomparatore in ben 6 posizioni a verifica dell’isocronismo.

Come già accennato la distribuzione è molto selettiva, e non è stato facile acquisire un esemplare, data la concorrenza aperta tra tutti i concessionari del mondo.

Le richieste sono state particolarmente agguerrite da parte del mercato statunitense, il quale diviene molto incisivo quando si tratta di prodotti come questo, che garantiscono un guadagno immediato in termini economici, per la rarità degli esemplari. Ovviamente i mercati emergenti di Cina, Russia e India non sono rimasti a guardare, facilitati dal fatto che in questi specifici Paesi Longines è considerato uno Status Symbol.

Il prezzo di vendita di Longines Conquest Heritage 1954 L1.611.4.70.4 è stato fissato a €. 1.200,00 e questa decisione ha scatenato ancora più entusiasmo tra i collezionisti, i quali sarebbero stati disposti a spendere anche di più pur di accaparrarsi un autentico “pezzo di Storia”.

L’elemento preponderante, quindi, non è il prezzo, ma l’abilità nell’acquisire questa opportunità che si preannuncia anche e soprattutto economica e da investimento.

Longines Conquest Heritage 1954 L1.611.4.70.4 è così esclusivo che difficilmente finirà in vendita on-line, ove invece possono essere ammirati ancora alcuni esemplari Heritage di altri modelli storici, fino al momento del loro irreversibile esaurimento.

Informazioni possono essere anche fornite telefonicamente al numero 0184.570063, dal martedì al sabato, oppure via email presso l’indirizzo [email protected]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *