Il fenomeno Tissot T-Touch visto da vicino (3)

Terza e importante puntata dedicata all’orologio touch-screen più famoso del mondo.

Abbiamo ripassato, leggendo gli articoli precedenti, le funzioni e le modalità di messa in orario del nostro bellissimo Tissot T-Touch.

Entriamo oggi un po’ più nel vivo della programmazione, decidendo quali unità di misura utilizzare per leggere i dati orari e di altitudine.

Il T-Touch è infatti predisposto per indicare l’orario su 12 o 24 ore e offre anche la scelta tra misurazione in centimetri, facile per noi Europei Continentali, oppure in feet, utilizzata dai popoli anglofoni e dai tecnici.

La partenza della fase di programmazione è la solita: attivazione del touch-screen attraverso la pressione per uno o due secondi del pulsante centrale, posto in corrispondenza di ore “3”.

A questo punto premiamo dolcemente il vetro nel centro, proprio in corrispondenza del perno delle lancette, per tre volte in successione.

Sul display vedremo apparire la scritta “OPT” (option = opzioni).

Premiamo ora brevemente ancora il pulsante centrale  potremo leggere le indicazioni di 12/24 ore e l’unità di misura selezionata al momento.

Premiamo ora per circa 3 secondi il pulsante posto a ore “4”, fino a che non sentiremo un “beep”.

Da questo momento, ad ogni pressione del pulsante inferiore (quello a ore “4”) alterneremo la scelta di “feet” o “cm.”, mentre premendo il pulsante superiore (posto in corrispondenza di ore “2”) alterneremo la visualizzazione i 12 o 24 ore.

Per chiudere questa fase di programmazione possiamo a nostra scelta toccare il centro del vetro se vogliamo proseguire con la programmazione di altre funzioni, oppure premere brevemente il pulsante centrale per memorizzare le scelte effettuate.

Spingiamoci ora ad ulteriori programmazioni.

Abbiamo infatti la possibilità di escludere il “beep” nonché di porre l’orologio in stand-by (funzione “sleep”).

Consiglio di conservare il “beep” attivato almeno fino a quando non ci si sentirà completamente “padroni” delle tecniche di programmazione.

Riguardo alla funzione “sleep”, essa è necessaria ai tecnici che devono sostituire la batteria con il relativo kit previsto da Tissot.

Colgo l’occasione per ribadire che il cambio pila del T-Touch non è assolutamente un’operazione banale, tanto è vero che la casa pretende che per questa operazione l’orologio sia affidato al laboratorio centrale oppure ad uno dei circa 30 punti specializzati disseminati sul territorio nazionale, tra cui figura anche il nostro laboratorio.

Ritornando alla programmazione, effettuiamo le operazioni di base: attivazione del touch-screen attraverso la pressione di due secondi del pulsante centrale, dopo di che dovremo toccare il centro del vetro per tre volte e ottenere l’indicazione “Opt”, e premere ancora il pulsante centrale per visualizzare 12 o 24 o cm. o feet, esattamente come nelle fasi che abbiamo visto precedentemente.

Dobbiamo però ora toccare ancora una volta il centro del vetro, e vedremo apparire l’indicazione “beep On” oppure “beep off” a seconda di quanto è memorizzato in quel momento.

Per escludere o re-inserire il “beep” dobbiamo premere per qualche secondo il pulsante posto in corrispondenza di ore “4”. Da quel momento, ogni ulteriore pressione sul pulsante posto a ore “4” determinerà il passaggio del “beep” da attivo (ON) a disattivo (OFF).

Giunti a questa fase possiamo proseguire la programmazione ponendo l’orologio in funzione “sleep” (opzione che caldamente vi sconsiglio), e per far ciò si devepremere una volta al centro del vetro. Oppure chiudere la programmazione e memorizzare il tutto con una pressione del pulsante centrale.

Al termine di questa terza puntata possiamo sostenere di aver passato in rassegna tutte le funzioni di programmazione del nostro T-Touch e quindi di conoscerlo profondamente ed essere indipendenti riguardo alla sua manutenzione esterna di base.

Prossimamente vedremo come interagire con le specifiche funzioni di altimetro, barometro, bussola, cronografo, timer, termometro e sveglia.

Prima di affrontare questa prossima fase, vi consiglio di far pratica con quanto fino a qui ripassato, fino ad acquisire una grande sicurezza di manipolazione.

Buon divertimento!

55 commenti
  1. giovanni mocerino
    giovanni mocerino dice:

    Buongiorno enrico! Il T-Touch è molto delicato nella sua fattispecie, perchè leggo che è difficile anche cambiare la pila…

    Rispondi
  2. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Ciao Giovanni,
    Il T-Touch Expert e il T-Touch 2 (quelli della nuova generazione) sono assolutamente affidabili e dei veri e propri muletti di resistenza.
    Per il cambio batteria hai ragione in quanto si tratta di prodotti ad alto tasso tecnologico e la Tissot consente solo a tecnici specializzati e indottrinati direttamente dalla casa di effettuare questa operazione.
    Va detto comunque che la sostituzione avviene mediamente ogni 2/2,5 anni e che i centri abilitati in Italia sono attualmente una ventina o più.
    D’altra parte anche altri orologi hanno necessita’ di invio al centro per la sostituzione della batteria.
    Vale la pena affrontare questo piccolo disagio per avere un orologio che una volta indossato viene difficile da accantonare.
    Ribadisco che il nostro laboratorio e’ in grado di compiere questa operazione immediatamente.
    Salutoni.

    Rispondi
    • william
      william dice:

      Ciao se sapevo ti spedivo 2 orologi touch che la Tissot casa madre ha da 2mesi fermi in riparazione maip più acquisterò prodotti Tissot

      Rispondi
  3. giovanni
    giovanni dice:

    Sulla professionalità del tuo laboratorio anche se n lo conosco di persona c metto la mano sul fuoco!!!!che peccato che ha sede a sanremo!

    Rispondi
  4. Lorenzo
    Lorenzo dice:

    salve,
    cercando informazioni sul cinturino del mio t touch acquistato nel 2010 mi sono imbattutto in questa ed altre discussioni che descrivono questa “mostruosità” della necessità di un intervento della casa madre per la sostituzione della batteria e, soprattutto, dell’evento (molto frequente…) che l’orologio successivamente alla sostituzione non funzioni più e la Tissot sia così gentile (!) da proporre uno sconto per l’acquisto di un nuovo modello…Sperando che fossero solo situazioni “sfigate” (il mio è sarcasmo verso tissot naturalmente) quelle descritte sono andato da un rivenditore tissot che, onestamente, mi ha confermato tutto ciò…Ora, io veramente non mi capacito di tutto questo e mi domando come sia possibile che una grande casa si comporti in questo modo e come, soprattutto, nessuno dei possessori di questo orologio abbia pensato ad adire a vie legali…

    Rispondi
  5. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro Lorenzo,
    grazie per aver visitato il nostro blog.
    La situazione dell’assistenza Tissot e’ leggermente diversa da come ti e’ stata descritta.
    Tissot ha diramato invito a tutti i concessionari per partecipare al corso di formazione per la sostituzione delle batterie degli orologi Touch, e per alcuni altri interventi.
    Coloro che hanno partecipato hanno l’autorizzazione a operare sui Tissot T-Touch.
    E’ normale che se un concessionario non e’ in grado di sostituire la pila a questi moduli e prova a farlo potrebbe guastarli.
    La procedura di sostituzione delle batterie sui T-Touch e’ infatti diversa da quella comune agli altri quarzi.
    Riguardo a sostituzione a prezzo di favore o a riparazione agevolata, e’ un’iniziativa riservata ai vecchi T-Touch, naturalmente ormai superati dai T-Touch II e Expert, come penso sia il tuo.
    Spero di aver spiegato in modo comprensibile.
    Resto a tua disposizione per ogni approfondimento e ti ringrazio ancora.

    Rispondi
  6. Lorenzo
    Lorenzo dice:

    carissimo Enrico ti ringrazio per la sollecita e cortese risposta. Vorrei, però, precisare che il rivenditore (e vari forum che si trovano sulla rete) conferma quanto tu dici in merito al t touch II ma mi dice che per il mio modello (2010) lo stesso deve essere mandato in assistenza (in proposito preciso che lui non si è mai proposto per fare l’intervento)e che capita che l’orologio, una volta aperto, poi non funzioni e la Tissot, dunque, formuli questa che io ritengo una proposta vergognosa…La mia domanda è quindi la seguente: per il modello t touch del 2010 corrisponde al vero che lo stesso debba essere inviato in assistenza e che, frequentemente, l’orologio si guasti? grazie

    Rispondi
  7. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro Lorenzo,
    naturalmente, non essendo a libro paga di Tissot, posso fornirti una risposta serena.
    A quanto mi risulta non corrisponde al vero che i T-Touch II e Expert si guastino facilmente.
    Corrisponde invece al vero che la prima serie distribuita abbia avuto diversi modelli che hanno riscontrato dei problemi.
    E’ inoltre vero che senza aver partecipato ai corsi di Quick Service di Tissot, non si è autorizzati ad aprire i T-Touch, e chiunque lo faccia indebitamente fa decadere la garanzia.
    La risposta alla tua domanda è quindi la seguente:
    non corrisponde al vero che un T-Touch del 2010 debba essere inviato in Tissot per il cambio della pila: è sufficiente recarsi presso un concessionario che abbia frequentato lo specifico corso indetto da Tissot.
    Aggiungo, inoltre, che anche gli orologi della prima serie, se aperti da tecnici qualificati per la sostituzione della pila, non hanno mai dato problemi.
    Personalmente posso tranquillamente ammettere che la prima serie non mi aveva convinto tecnicamente, ma non mi ero preoccupato perchè non ero concessionario Tissot.
    Dopo aver verificato la qualità di T-Touch II e Expert, ho richiesto e ottenuto la concessione.
    La mia opinione è che molti dei problemi siano sorti di conseguenza al fatto che alcuni concessionari provvedevano autonomamente alla sostituzione della batteria senza sapere che la procedura per questa operazione sul T-Touch è sensibilmente diversa.
    Salutissimi e grazie a te per la tua chiarezza.

    Rispondi
  8. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro gianluca,
    come si può osservare al link da te proposto, spesso interviene il sottoscritto con argomentazioni tecniche, in quanto IlBlogdegliOrologi è uno dei siti a cui presto la mia collaborazione.
    Sono anche evidenti le date dei vari interventi dei lettori, e come ognuno potrà constatare, TUTTE le lamentele sono assolutamente riconducibili al T-Touch 1.a emissione.
    Il che conferma in toto le argomentazioni da me addotte.
    Nella fattispecie: i nuovi modelli di T-Touch, e precisamente T-Touch II e Expert sono assolutamente affidabili.
    Salutissimi.

    Rispondi
  9. gianluca
    gianluca dice:

    io non metto in dubbio che quelli nuovi vadano da “dio”, il problema appunto sono quelli vecchi e soprattutto il pessimo comeportamento della casa verso i suoi clienti.
    Forse non hanno inteso che è grazie ai clienti se una ditta diventa grande, è grazie ai clienti se alla fine del mese si porta a casa uno stipendio!
    Mi corregga se sbaglio!

    Rispondi
  10. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Carissimo Gianluca,

    le sue considerazioni sono assolutamente legittime.
    Mi permetto solo di sottolineare che Tissot predispone il cambio degli orologi difettosi con quelli di nuova generazione, alla pari se i modelli da sostituire sono in garanzia, oppure al costo di una riparazione se la garanzia è scaduta.
    Riguardo all’importanza del cliente per l’espansione di un’azienda, mi trova assolutamente d’accordo con lei.

    Cordiali saluti.

    Rispondi
  11. gianluca
    gianluca dice:

    Sig. Cannoletta,
    premetto che La considero una persona molto corretta e soprattutto celere nelle risposte.
    L’orologio è in garanzia visto che era già stato riparato e quindi coperto da nuova garanzia di 24 mesi.
    Le assicuro che mi hanno contattato offrendomi dapprima un orologio T-Touch a metà prezzo e poi, quando mi sono arrabbiato, al costo della riparazione di 156 euro!
    A parte che è il touch che fà le bizze e loro mi dicono che ho cassa, fondello e ghiera rovinati da “normale usura” e mi dicono che, al prezzo della riparazione, me ne danno uno nuovo! Secondo Lei questa è serietà di una grande azienda che butta un sacco di soldi in pubblicità nel motogp e poi si fà compatire per le briciole?
    Se Lei và dal meccanico per un problema al motore e questo le fà un preventivo per la carrozzeria cosa risponderebbe?
    A oggi sono circa 2 mesi che hanno il mio orologio e non si degnano nemmeno di farsi sentire!
    Ho già speso 695 euro per l’acquisto e 95 per la prima riparazione (visto che non trovavo la garanzia).
    Potremmo stare ancora qui a parlare della serietà, visto che poi sputtanano anche Voi rivenditori ufficiali dicendo che l’orologi non è passato da Loro per la riparazione!
    Scusi lo sfogo! Ma quando ci vuole!
    Dimenticavo, le ditta diventano grandi perchè è l’operaiaccio come me che fà girare l’economia con le “piccole” spese!
    Distinti Saluti

    Rispondi
  12. gianluca
    gianluca dice:

    continuano a prendermi in giro ma non mollo, piuttosto butto l’orologio nel cestino ma non tiro fuori un centesimo, nemmeno per le spedizioni!
    Io La ringrazio e sono ben coscente che Lei non c’entra nulla con le mie questioni come assolutamente non c’entra nulla il mio gioielliere di fiducia!
    Cordiali Saluti

    Rispondi
  13. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro Gianluca,
    ho riferito del tuo caso in Tissot tramite il responsabile del controllo dei concessionari che prestano assistenza.
    Spero che presto tu venga contattato.
    Tieni i aggiornato.
    Salutoni.

    Rispondi
  14. gianluca
    gianluca dice:

    Gent. sig. Cannoletta,
    ogni volta che vengo contattato da questa gente serve solo a farmi arrabbiare di più e farmi capire la poca serietà di questa azienda. Praticamente giocano a far rimbalzare la palla e le colpe al concessionario piuttosto che su quelli che erano oppure no i riparatori ufficiali!
    Quando Swatchgroup ha emanato la circolare in cui diceva che effettuava tutte le riparazioni nel centro assistenza di Milano? Si trattava solo delle riparazioni o anche dei cambi pila e relativa prova di impermeabilità?
    Ho parlato con Swatch a Milano ed anche con concessionari e riparatori (ora non più autorizzati) e tutti si passano la patata bollente!
    Distinti Saluti,
    Gianluca

    Rispondi
  15. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro Gianluca,
    devo dire che in effetti SwatchGroup ha avvertito tutti i propri concessionari di non intervenire per il cambio pila dei modelli Touch, ma di inviare l’orologio in assistenza.
    Questo fino a pochi mesi orso o, quando ha autorizzato alcuni concessionari, e tra questi il sottoscritto, a effettuare il cambio- pila.
    I concessionari autorizzati hanno frequentato un apposito corso in quanto queste operazioni differiscono dagli standard.
    Ancora oggi NESSUNO è autorizzato a fare RIPARAZIONI sui Touch, se non il Centro Assistenza SwatchGroup di Milano.
    Ho parlato personalmente del suo caso con la Responsabile Nazionale Tissot dell’Assistenza e sono convinto che alla base di tutto ci sia un equivoco di fondo.
    Premetto, come lei sa, che posso essere imparziale in quanto non sono coinvolto direttamente nella vicenda.
    Probabilmente l’orologio, in perfetta buona fede da parte sua, è stato consegnato per il cambio pila a un centro non autorizzato facendo decadere ogni tipo di garanzia.
    Queste, purtroppo, giuste o sbagliate che siano, sono regole geneali che tutte le maison adottano, e sono imposte dalla Svizzera.
    Da questo probabilmente nasce tutta la successiva incomprensione.
    Tissot Italia, a quanto mi hanno confermato, può venire incontro esclusivamente con le offerte di sostituzione che le sono state proposte.
    Mi dispiace che sia rimasto deluso da tutto ciò, e comprendo il suo disappunto.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  16. gianluca
    gianluca dice:

    è vero, siamo un’entità da mungere!
    Rompete le palle al customer care, pretendete di parlare con un responsabile, scrivete a swatchgroup visto che sono i proprietari del marchio Tissot.
    In aggiunta, io ho deciso di boicottare tutti i marchi che si rifanno a questo “grande” gruppo….
    gruppo “grande”!
    Il mio orologio è stato riparato, a pagamento!
    E devo solo ringraziare il gioielliere da cui è stato acquistato! Lui ha preferito pagare di tasca propria la riparazione piuttosto che perdere il/i cliente/i.
    Serva da esempio a Tissot a cui evidentemente non importa perdere clienti!
    Saluti
    PS non conosco personalmente il sig. Cannoletta, ma sono pienamente convinto che si sarebbe comportato tale e quale al mio gioielliere di fiducia.

    Rispondi
  17. vincenzo
    vincenzo dice:

    Buongiorno a tutti i possessori di Tissot mi rivolgo personalmente al sig. Cannoletta,ho acquistato do poco un Tissot T Touch Expert titanio mi pare che funzioni tutto nella norma apparte l’altimetro, vivo in un paese a 25 metri sopra livello del mare, dopo averlo impostato a 25 ,dopo circa un paio di minuti mi segna 70-90 metri ,ho provato a impostare emisfero e zone climatiche mi da dei risultati assurdi ,mi segna -200 metri,quindi volevo sapere da un esperto e persona corretta come lei se devo portarlo all’assistenza oppure è un problema di riprogrammarlo.Cordiali saluti.

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Gent.mo Vincenzo,
      posso intuire che probabilmente il suo orologio manchi di taratura accoppiata tra barometro e altimetro.
      Per risolvere il problema dovrebbe impostare per primo il dato barometrico, impostando il valore che rileverà da un preciso barometro.
      Eseguita questa operazione, dovrebbe tarare l’altitudine e l’orologio dovrebbe darle i risultati corretti.
      Come tutti gli altimetri anche T-Touch deve essere ritarato in funzione del dato altimetrico ad ogni evidente variazione atmosferica.
      Per ogni evenienza non esiti a contattarmi.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
  18. vincenzo
    vincenzo dice:

    non avendo un barometro mi sono rivolto a internet scrivendo pressione barometrica del mio paese e segnava 1017 hpa ,una volta inpostata il barometro nel t touch sono passato a reimpostare all’altimetro è un’po’ più preciso ma non preciso come vorrei che fosse,ma se modificassi la pressione barometrica portandolo per es.. a 1030 e possibile che l’altimetro si mostri più preciso ,altrimenti mi dica lei come fare ,grazie per ora e cordiali saluti.

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      @ Vincenzo.
      In effetti l’impostazione barometrica dovrebbe essere la più precisa possibile, almeno in fase di prima programmazione.
      Inoltre occorre considerare che un altimetro portatile ha sempre una tolleranza reale di 5/10 metri.
      Salutoni.

      Rispondi
  19. Alberto Sidoti
    Alberto Sidoti dice:

    Sul mio t touch 2 l’ho sostituita io che sono un semplice cassiere di banca: giravite in acciaio da 2 mm, lente 4x, pinzetta, batteria e silicone per guarnizioni. Rimosse le 4 viti viene via il coperchio; poi sollevo il secondo coperchio con il sensore e c’è la batteria tenuta da una levetta. La levetta è fermata da una vite che si deve allentare così da spostarla lateralmente e con una punta della pinzetta si tira via la batteria. Al negativo della batteria è adesa una pellicola di plastica che va staccata e rimessa sulla nuova batteria per non creare contatto col circuito sottostante. Una volta rimontato tutto l’orologio è in standby e riparte premendo il tasto centrale. Poi si fa la procedura synchro per le lancette e con 4 euro il gioco è fatto. Un poco di silicone sulla guarnizione ripristina l’impermeabilità fermo restando che per me l’orologio è conformato in modo tale da non essere un buon amico dell’acqua. In acqua vanno gli orologi con corone a vite e senza pulsanti. Ciao a tutti

    Rispondi
  20. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Ciao Alberto.
    Grazie per il tuo contributo.
    Tutto bene, ma devo obiettare che hai omesso l’inserimento dell’orologio in funzione “Sleep”.
    Questa dimenticanza a volte può compromettere il circuito.
    Per fortuna nel tuo caso è andata bene.
    Salutoni.

    Rispondi
  21. Alberto Sidoti
    Alberto Sidoti dice:

    Grazie sig. Cannoletta del consiglio,
    Io sono un appassionato e ho avuto uno dei primi touch con la scritta verde, era il 2003. Devo dire che adesso è cambiato completamente e che è un prodotto davvero robusto. Il fatto di aver cambiato la batteria autonomamente inoltre è indicativo della sua ottima fattura, non è vero che si guasta, semplicemente alla Casa Madre sostituiscono guarnizioni e pellicola e inoltre provvedono alla sostituzione del sensore se si sporca. Questo i clienti non lo sanno ma il sensore è un cilindro di materiale gelatinoso con un chip dentro che ne rileva la compressione o l’espansione e calcola la pressione ambientale. Essendo a contatto con l’aria è normale che raccolga sporcizia e vada sostituito. Infatti è modulare ovvero è staccabile dall’orologio senza dissaldare nulla. Vorrei ricordare anche a tutti che dopo un mese che avevo al polso un coronato, si sono accavallate le spire del bilancere e si è fermato. Nulla è perfetto. Tissot ha perfezionato un orologio che era sperimentale, come sperimentali furono gli accutron che poi sparirono perchè Hazel non aveva tenuto conto del logorio nel lungo periodo dei cricchi e di una ruota di due millimetri a 360 denti! Io penso che pagare 180 euro per avere il nuovo touch al posto del vecchio sia un’ottimo affare visto che di listino va a 590 euro. E non dimentichiamoci i 500 e passa euro quadriennali di revisione di un rolex….

    Rispondi
  22. Alberto Sidoti
    Alberto Sidoti dice:

    Ciao a tutti e un buongiorno al sig. Cannolette,
    Oggi mi sono cimentato nuovamente nel cambio pila del touch 2 di un cliente della banca che si è fidato, al momento di rimuovere la pellicola plastica sotto la vecchia pila, mi è venuto un pensiero: e se i malfunzionamenti dopo il cambio pila fossero dovuti ad una disattenzione nei confronti di questa pellicola? In effetti è trasparente. Allora ho creato un rimedio definitivo: hi preso un adesivo plastificato (la mela di Apple per intenderci) ho ricalcato la forma della pellicola, l’ho ritagliato e ho attaccato l’adesivo conformato all’alloggiamento della pila. In futuro se questo orologio verrà portato ad un comune orologiaio, costui non potrà omettere la pellicola isolante perchè è incollata all’orologio! E ripeto che più lo guardo dentro, più noto come sia ben fatto… Giuro che non vi annoio più,
    Buona domenica dalla Sicilia.
    Alberto

    Rispondi
  23. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Gent.mo Alberto,
    i contributi come i suoi sono molto preziosi.
    Lei sta dimostrando infatti un’ottima manualità ed una preparazione tecnica notevole.
    L’isolante fisso non viene adottato per evitare che il suo eventuale deterioramento non sia notato.
    Statisticamente i problemi di malfunzionamento dopo il cambio pila sono da attribuire principalmente al non inserimento dello “sleep”, e dal “maltrattamento” accidentale del sensore. Seguono altre manovre errate tra cui anche il mancato inserimento dell’isolante.
    Nel kit del cambio pila sono presenti infatti nuove viti e nuovi isolanti, in modo da portare l’orologio in condizioni ottimali di funzionamento.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  24. Abtermoidraulica
    Abtermoidraulica dice:

    Salve a tutti , ho comprato un tissot touc e ho fatto cambiare la batteria ma dopo averlo ripreso e’ comparso un simbolo sul display ( chiave da meccanico ) sapete come posso toglierla ? Grazie

    Rispondi
  25. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Gent.mo Abtermoidraulica.
    La presenza della chiave dopo la sostituzione della batteria, oppure dopo l’apertura del fondello di un T-Touch, indica che le operazioni di reset non sono state eseguite o quantomeno non sono state effettuate in modo corretto.
    Ti consiglio di recarti presso un tecnico-concessionario Tissot che sia abilitato alle operazioni di Quick-Service sui T-Touch.
    Se necessiti di maggiori informazioni, fammi sapere all’indirizzo [email protected]
    Salutoni.

    Rispondi
  26. Giovanni Mocerino
    Giovanni Mocerino dice:

    salve a tutti….ciao enrico….non scrivo da un bel po di tempo ma non ho perso la buon abitudine di leggere i vari post e le tue risposte sempre precise come un orologio “SVIZZERO!”. Dopo aver letto con molta attenzione i vari commenti devo dire che sono molto incuriosito dal calibro utilizzato da tissot ed ho provato a vedere se ci sono ulteriori informazione come foto o video ma non si trova sulla sul web.solo un video di come viene fabbricato il touch-Sea. Non ce modo di vedere il calibro in questione?

    Rispondi
  27. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Carissimo Giovanni,
    come tutte le maison orologiere anche Tissot, e in questo caso il colosso Swatch Group sono molto gelose delle loro produzioni ed in particolari delle loro progettazioni di sistemi proprietari.
    Il modulo e il ovimento di un orologio non costituiscono certo un segreto di stato, ma le immagini che possono far risalire a soluzioni tecniche che sono costate anni di studi, sono distribuite con molta parsimonia.
    Nel caso di T-Touch, la diffusione è ormai così capillare che celare le immagini sarebbe inutile.
    Ciò nonostante queste ono abbastanza rare.
    Sono personalmente in attesa di ricevere conferma alla mia autocertificazione di livello 3 nel Service Tissot. A quel punto chiederò in Swatch Group Italia l’autorizzazione a scrivere un articolo tecnico su T-Touch con relative foto e video in fase di smontaggio. Trovo questo procedimento corretto in rispetto delle normative interne che il Gruppo impartisce ai concessionari e ai tecnici.
    Un salutissimo.

    Rispondi
  28. Andrea De Blasis
    Andrea De Blasis dice:

    salve a tutti ho appena fatto cambiare la batteria al mio t touch e adesso è completamente sballato è come se il blocco interno fosse ruotato di mezzo giro…in pratica se io metto la misurazione atmosferica le lancette vanno alle 6…cosa devo fare?

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Buongiorno Andrea,
      da quanto mi dici devo dedurre che non hai portato il tuo T-Touch per la sostituzione della pila presso un laboratorio abilitato per il Quick Service Tissot.
      E’ stato predisposto infatti un programma specifico per questo tipo di operazioni sul T-Touch, perchè nonostante le apparenze, la sostituzione della batteria in questo modello non è del tutto semplice.
      Occorre predisporre l’orologio in funzione “sleep” e poi procedere in modo particolare. Al termine è necessario provvedere ad una riprogrammazione, che evidentemente sul tuo Tissot non è stata fatta.
      A questo dovresti quindi provvedere tu, seguendo le istruzioni sul manuale, a iniziare dall’allineamento delle lancette.
      Se incontri qualche difficoltà puoi chiamare il nostro Centro Assistenza TechnoWatch al numero 0184.503268, e chiedere di Carlandrea o Luca, i quali ti aiuteranno volentieri e gratuitamente.
      Mi dilungo in queste spiegazioni perchè ritenere che il cambio batteria sul T-Touch sia una cosa trascurabile ha determinato molti problemi sulla prima versione, facendo credere agli utilizzatori che quel modello fosse imperfetto. Per fortuna ora con le nuove generazioni di T-Touch non esistono più problemi di sorta.
      E’ certo però, che di queste cose avrebbe dovuto avvertirti il rivenditore al momento del tuo acquisto.
      Salutissimi e fammi sapere.

      Rispondi
  29. fabio
    fabio dice:

    salve ho un problema con il mio t-touch tomb raider, ho appena sostituito la batteria in un centro tissot e da allora ho la temperatura bloccata a 99 gradi e la bussola sballata. cosa devo fare? grazie

    Rispondi
  30. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Buongiorno fabio e grazie per aver visitato il nostro blog.
    Sono convinto che una riprogrammazione del tuo T-Touch possa risolvere i problemi.
    Per aiutarti in questa operazione puoi chiamare il numero 0184.503268 e chiedere di Carlandrea di TECHNOWATCH Centro Assistenza in autocertificazione Livello 3 Tissot, il quale ti guiderà telefonicamente.
    Fammi sapere.

    Rispondi
  31. enrico
    enrico dice:

    Ho un T-Touch in titanio completo di cinturino.
    Da + di due anni non lo uso più perchè alcuni sensori non funzionavano bene (Bussola) poi è morta la pila (normale).Ora devo decidere se resuscitarlo oppure… visto che alcuni rivenditori mi hanno prospettato tempi di attesa lunghi (mesi) e costi elevati (+ di 200 E) è possibile?
    Penso sia una prima serie, sulla cassa vedo due codici uno comincia con TKN-HA-… l’altro z 253/…
    Cosa suggerisci?
    Grazie in anticipo
    Enrico

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Gent.mo Enrico, mi scuso per il ritardo nella risposta.
      Tissot ha formulato un preciso listino per la riparazione o addirittura la sostituzione del T-Touch prima serie.
      Potrebbe valere la pena di approfittarne.
      Ti consiglio di rivolgerti al nostro Centro Assistenza, che è qualificato in autocertificazione a livello 3 per Tissot, nonché autorizzato per il quick service Tissot.
      L’indirizzo email è [email protected] e il numero telefonico 0184.503268.
      Puoi chiedere del nostro tecnico Carloandrea il quale ti chiederà i dettagli del tuo orologio e ti fornirà volentieri le indicazioni del caso.
      Naturalmente puoi anticipargli di aver avuto uno scambio di opinioni con me.
      Fammi sapere.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
  32. Andrea
    Andrea dice:

    Salve a tutti,

    possiedo da alcuni anni un T-Touch Expert Titanium al quale ieri è comparsa l’avviso “batt” lampeggiante. Chiaro che la pila è da sostituire. Ora siccome mi ritengo abbastanza esperto nel maneggiare schede elettroniche sensori etc. volevo cimentarmi nel cambio, ma sò che la pila per il mio TT non è una un modello comune che si trova all’Iper, ma un ben preciso modello RENATA con amperaggio differente da qualle normali.
    La domanda è: dove posso trovarla questa pila?? O al lilmite tutto il kit di ricambio, con viti, guarnizioni pellicola etc…
    PS: premetto che io il TT non lo uso sott’acqua e che quando faccio la doccia me lo tolgo, quindi se non è più garantita l’impermeabilità a 100mt non è che mi interessi molto.

    Grazie a tutti.
    Andrea

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Gent.mo Andrea,
      capisco la sua esigenza essendo io stesso progettista di circuiti elettronici.
      Devo però avvertirla che la procedura per la sostituzione della batteria del T-Touch Expert prevede anche una sessione software per porre in sleep il circuito.
      Detto questo, se ritiene di poter condurre a termine l’operazione, mi metto a sua completa disposizione. Può infatti chiamare direttamente i nostri tecnici di TECHNOWATCH dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 12.00 oppure dalle 15.30 alle 19.00. Cerchi del nostro Carlandrea il quale la seguirà sia per procurarle la batteria e effettuare la sostituzione, che eventualmente per provvedere direttamente.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
  33. Andrea
    Andrea dice:

    Grazie della sollecita risposta.
    Quando dice “porre in sleep il circuito” intende la semplice operazione descritta sul manuale per risparmiare batteria, o è qualcosa di più complesso.
    Comunque la ringrazio per le informazioni.
    Cordiali saluti

    Rispondi
  34. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Gent.mo Andrea,
    le confermo che la procedura di sleep è quella eseguibile attraverso le istruzioni sul manuale, e va eseguita prima di aprire il fondello.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  35. Andrea
    Andrea dice:

    La ringrazio davvero per le preziose informazioni; fà piacere incontrare (seppur solo sul web) qualcuno che davvero ci tiene al proprio lavoro e che dedica parte del proprio tempo anche a dare consigli gratuiti, (di questi tempi merce rara).
    Grazie davvero.

    Cordiali saluti
    Andrea

    Rispondi
  36. Lucio
    Lucio dice:

    Salve, posseggo un TT prima serie che ha ormai cinque anni, penso di essere prossimo al cambio della batteria, volevo sapere se è ancora possibile sostituire l’ orologio con uno più recente con una spesa modica.
    L’ orologio in mio possesso è sempre andato bene ma ora qualche volta quando tocco in prossimità del meteo non risponde.
    Grazie per l’ attenzione
    Lucio

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Gent.mo Lucio, grazie per aver visitato il nostro blog.
      La campagna Tissot per la sostituzione dei TT prima serie è ancora aperta.
      Se vuole può interpellare il nostro tecnico Carlandrea al numero 0184.570063, dal martedì al sabato, oppure all’indirizzo [email protected] il quale le esporrà tutte le condizioni.
      Cordiali saluti

      Rispondi
  37. Patrizio
    Patrizio dice:

    salve Enrico,grazie per questo interessantissimo articolo.
    sono possessore di un t-touch expert titanium e volevo segnalare il problema che l’orologio mi sta dando:
    se l’orologio è fermo senza tenerlo al braccio e di conseguenza diventa freddo,il touch screen va bene in tutte e 7 le sue posizioni dei tocchi,mentre se l’orologio è indossato,man mano che questo riscalda tramite la temperatura corporea a contatto col polso,il touch screen dell’orologio comincia a non funzionare più,prima in determinati punti,inizia a non funzionare il tasto cronometro,poi altimetro,e cosi via,fino a non rispondere più del tutto ai comandi,se tolgo l’orologio dal polso,questo raffredda e ritorna a funzionare man mano normalmente.volevo sapere,il sensore del touch screen,è legato al sensore atmosferico posto sul retro dell’orologio?può essere quest’ultimo la causa del mio problema?se lei mi conferma ciò,sa indicarmi come mi devo comportare?mandare l’orologio in un centro assistenza?cambiarmi batteria e sensore da me?se potrei farlo da me,dove è possibile acquistare il sensore?
    grazie in anticipo per i suoi preziosi consigli,e con l’occasione porgo i miei auguri di buon anno.Saluti Patrizio

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Buonasera Patrizio e grazie di aver visitato il nostro blog.
      Formulare una diagnosi, in campo elettronico, come in tutti gli ambiti, senza vedere “il paziente” di persona è sempre molto rischioso.
      Sulle prime direi che non attribuirei la colpa al sensore termico, ma al display.
      Il funzionamento del touch screen è dipendente ovviamente dalla temperatura, ma solo in condizioni estreme.
      Mi pare quindi improbabile che il guasto sia riferito ad un l’imitatore o regolatore di temperatura, specialmente quando ci troviamo nel range tra i -10 gradi e i +60.
      Se il touch screen diventa inaffidabile all’interno di queste temperature, a mio giudizio va sostituito.
      Le consiglio di recarsi dal concessionario più vicino e di far inviare l’orologio al centro Assistenza di Swatch Group a Milano in via Washington.
      Se il suo orologio è stato acquistato da meno di due anni, secondo me rientra nei guasti coperti da garanzia.
      Se non è comodo come vicinanza ad un concessionario, me lo faccia sapere e predisporremo noi, un pick up da parte del nostro corriere e cureremo volentieri l’iter relativo.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
  38. Patrizio
    Patrizio dice:

    Buonasera Enrico,grazie 1000 per la tempestiva,gentile ed esaudiente risposta.Purtroppo per colpa della mia frettolosità,credo di aver fatto un danno al sensore termico,anzi più che credere ne sono certo.Ho letto solo dopo che il sensore è composto da una gelatina,ma io pensando che il mio problema era il sensore sporco,ho smontato l’orologio,in effetti era abbastanza sporco,ma nonostante la mia manualità nel fare dei piccoli interventi,nell’incompetenza ho rimosso anche la gelatina dal sensore,e di conseguenza non mi vengono più segnalate le funzioni ad esso associate.purtroppo il problema del touch difettoso a temperature tiepide è anche rimasto,quindi adesso mi ritrovo col mio t-touch expert che fa solo da orologio,datario,cronometro e sveglia,e sicuramente non più in garanzia per averlo aperto e danneggiato il sensore.
    Si,ho un rivenditore tissot nella mia zona (Brindisi),ma sinceramente o lo tengo cosi e magari lo vendo come semi funzionante,o mi affiderei a Lei che è molto disponibile.
    Magari se mi può consigliare.

    Rispondi
  39. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    @Fabrizio,
    mi dispiace.
    In effetti ciò conferma che il problema iniziale non era da attribuire al sensore.
    Mercoledì 7 gennaio, alla riapertura del nostro laboratorio, se vuole, sarà contattato via email dal nostro capo-tecnico Carloandrea Dho, il quale le spiegherà come farci avere il suo orologio per il preventivo gratuito.
    Prima di svendere il suo prezioso T-Touch Expert verifichi l’eventuale convenienza.
    Grazie per la fiducia e a presto.

    Rispondi
  40. Patrizio
    Patrizio dice:

    certo,sarebbe gradito un preventivo per valutare se riparare o meno l’orologio.quindi attendo vostre notizie.grazie ancora per la disponibilità,saluti e buona serata,Patrizio

    Rispondi
  41. Ugo
    Ugo dice:

    Buongiorno signor Cannoletta, su un Tissot Touch Expert è possibile verificare empiricamente quanto è il livello della batteria? Forse la domanda è sciocca, ma penso al caso di una persona in viaggio in un luogo dove non esistono centri di assistenza Tissot. Grazie

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Domanda tutt’altro che sciocca.
      Purtroppo il livello di carica di una batteria non si può rilevare, mentre è invece possibile sugli accumulatori. È un limite tecnico non superabile.
      Grazie a lei e cari auguri di buone feste.

      Rispondi
  42. Ugo
    Ugo dice:

    Grazie a lei. Le chiedo un’altra cosa::il Tissot touch expert è sempre in produzione, o è cessata vista la nascita del solar? Ricambio gli auguri

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *