Il “fai da te” in Orologeria

Una delle particolarità che hanno sempre contraddistinto la Gioielleria Cannoletta, fin dai tempi della sua nascita, è l’attenzione rivolta all’assistenza in generale e a quella post-vendita in particolare.

I nostri laboratori orologiaio, orafo e gemmologico, sono attrezzatissimi e idonei ad ogni intervento.

In qualche caso però, il cliente può avere la necessità di “aggiustarsi” da solo, specialmente quando si verifica una particolare situazione d’urgenza, oppure si trova distante dal nostro negozio.

In questo articolo vediamo insieme una delle operazioni che potrebbero richiedere un intervento diretto, anche, ad esempio, per far indossare immadiatamente un orologio donato: la regolazione del bracciale, non senza aver ribadito ulteriormente che questo genere di intervento viene assicurato gratuitamente sempre e comunque, anche a garanzia scaduta, dal nostro laboratorio.

Esistono bracciali in acciaio di ogni tipo, forma e costruzione. Analizzeremo oggi il tipo assolutamente più diffuso: il bracciale a maglia e perni. Il principio generale, comunque, non cambia.

Procuriamoci un piccolo perno in metallo della sezione simile a quella dei fori che notiamo sulla parte esterna del bracciale (fotografia qui sopra). Sarebbe opportuno avere anche un piccolo martello.

Determiniamo il numero di maglie da eliminare per regolare la misura corretta.

In caso di numero pari di maglie, queste vanno tolte metà da una parte e metà dall’altra del bracciale, in modo che la chiusura risulti in centro.

In caso di numero dispari, togliere una maglia in più dalla parte del “12” del quadrante (Esempio: accorciare di 5 maglie: 3 vanno tolte dalla parte del “12” e 2 da quella del “6”, in modo che, se deve esserci una differenza, resti più lunga la parte dal “6”.

Guardando il bracciale dalla parte inferiore noteremo anche alcune frecce stampate sulle maglie.

Estraiamo la coppiglia che vediamo all’interno dei fori del bracciale, spingendo con il nostro perno nella direzione indicata dalla freccia.

A questo punto avremo diviso il bracciale in due parti. Ripetiamo l’operzione di estrazione della coppiglia in corrispondenza del punto opportuno per l’eliminazione del numero esatto di maglie.

Tolte le maglie (vedrete che si sfileranno docilmente), riavviciniamo le parti residue del bracciale e re-inseriamo la coppiglia che avevamo tolto precedentemente nella direzione opposta a quella indicata dalla freccia stampata sul bracciale.

E il gioco è fatto.

Provare per credere: è un’operazione più facile da fare che da leggere.

Sono naturalmente a disposizione per suggerire dove acquistare gli strumenti adatti.

Buon lavoro!

34 commenti
  1. Dario Sulpizio
    Dario Sulpizio dice:

    ottima guida, ma lo stesso vale anche per i Citizen? il perno va rimesso dal senso opposto la freccia?
    e nel caso escano fuori le boccolette (fermi) che bloccano il perno, è possibile reinserirli?

    tnx e complimentoni!

    Rispondi
  2. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro Dario,
    grazie per aver visitato il nostro blog.
    Anche per i Citizen vale la stessa regola, ovviamente in presenza delle frecce.
    Per quanto riguarda i tubetti, naturalmente vanno re-inseriti in quanto servono da fermo per i perni.
    Salutoni

    Rispondi
  3. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro Dario,
    domanda molto intelligente.
    E’ una regola che deriva dal fatto che le chiusure dei bracciali in acciaio presentano sempre, quando la hanno, la parte regolabile dalla parte del “6”, e quindi consentono un migliore aggiustamento.
    Si tratta inoltre di una tradizione che deriva dall’osservazione del cinturino in pelle.
    Come sappiamo, infatti, lo spezzone con la fibbia, quello più corto, va sempre posizionato al “12”.
    In questo modo, per motivi oggettivi, la fibbia o la chiusura, rimangono posizionate al centro della parte inferiore del polso.
    Salutoni.

    Rispondi
  4. Luca
    Luca dice:

    ho tolto delle maglie, ad un bracciale, ma ho reinserito il pernino nello stesso senso della freccia
    ho fatto un errore grave?
    grazie mille!!!

    Rispondi
  5. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro Luca,
    in teoria l’errore è grave. In pratica … un po’ meno.
    Devo aggiungere che c’è una differenza da considerare anche sulla forma del perno.
    Se questo è di tipo “a forcella”, ovvero è una sorta di molletta, il problema non dovrebbe sussistere, perchè a fronte di uno sforzo iniziale di inserimento, la forcella provvede ad allargarsi in fondo e blocca lo scivolamento di se stessa.
    Se il perno è cilindrico, in effetti l’operazione non è corretta, perchè il perno stesso potrebbe essere deformato dalla sua sede in acciaio.
    Direi però che solitamente i perni hanno comunque un’elasticità maggiore rispetto alla loro sede e problemi non dovrebbero essercene.
    Verifichi che non sia troppo semplice estrarre il perno, magari con la punta di uno spillo. Se il perno non si sposta facilmente dorma sogni sereni.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  6. Roberto
    Roberto dice:

    Signor Enrico, a proposito dei microscopici tubetti che escono fuori dai bracciali Citizen e Seiko (e uno non se lo aspetta e se cadono in terra è la fine!): come e da quale parte si reinseriscono? Il mio orologiaio mi ha tolto 3 maglie da un Seiko, ma ho visto che ha esagerato e ne devo rimetterne una; mi ha ridato le tre maglie attaccate + perno e tubetto: ma quel tubetto mi fa paura. La ringrazio; se farà guida + disegnino le sarà anche grata la comunità internet di cronofilofili.

    Rispondi
  7. luca
    luca dice:

    sig enrico la conosco virtualmente sul suto citizenmania
    mi presento sono luca 43 anni

    AIUTO

    premetto che l orologio è nuovo….e avendo gia un crono pilot da 3 anni…sono gia un po deluso

    mi spiego…ritiro il pilot ed è fermo lo porto a casa lo metto sotto luce artificiale per 10 ore e lprocedo con l azzeramento e riprogrammazione, il pilot riparte e va per un giorno. di notte di nuovo fermo alle 5,35 lo riespongo alla luce artificiale per 7 ore, riprogrammo e riparte, ora sono alla terza riprogrammazione poiche’ nuovamente alle 6.30 di mattina l orologio si è nuovamente fermato e perso la posizione di riferimento……dovro’ aspettare QUESTA ESTATE PER UNA CARICA COMPLETA ESPONENDO IL PILOT ALLA LUCE SOLARE DIRETTA? O IL PILOT DA ME ACQUISTATO HA DEI PROBLEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA?

    grazie

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Gent.mo Luca,
      le ricariche di energia vanno effettuate con la corona di messa in orario completamente estratta.
      Se le ha eseguite in questo modo e l’orologio continua a fermarsi è bene recarsi al centro assistenza.
      Cordiali saluti

      Rispondi
  8. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Gent.mo Roberto,
    i tubetti di ritenzione dei perni sono più larghi da una estremità per cui solitamente c’è un solo verso di inserimento.
    Se fossero perfettamente cilindrici significherebbe che il verso di inserimento sarebbe indifferente.
    Per inserirli è meglio tenere il bracciale in orizzontale per evitare che scivolino fuori.
    L’idea di creare una guida per accorciare questo tipo di bracciale è ottima, e quanto prima verrà realizzata.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  9. luca
    luca dice:

    anche ora di nuovo fuori fase, devo sempre reimpostare l azzeramento del pilot per ripartire……. ma dopo poche ore resta indietro

    Rispondi
  10. luca
    luca dice:

    scusi se la disturbo, ma il pilot dopo 16 ore a corona estratta quanto dovrebbe durare in autonomia…..e poi ancora come puo’ un orologio nuovo avere gia’ bisogno di essere mandato in assitenza……? il mio pilot crono da 2 anni va senza bisogno di ricariche—-grazie

    Rispondi
  11. luca
    luca dice:

    all atto dell acquisto la venditrice mi ha regolato l orologio manualmente, puo’ avere influito sul malfunzionamento del pilot stersso???

    Rispondi
  12. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Caro Luca,
    ricaricare l’orologio con la corona estratta è fondamentale per riportare l’accumulatore a piena carica, condizione indispensabile dopo una scarica quasi completa.
    Prova con serenità la ricarica a corona estratta e vedrai che tutto si sistemerà.
    Salutoni.

    Rispondi
  13. Enrico
    Enrico dice:

    Gentilissimo Enrico,

    Innanzi tutto vorrei farLe i miei complimenti per il Suo interessantissimo ed utilissimo blog.

    Come dovrei comportarmi qualora nel cinturino del mio orologio non fossero presenti le frecce?
    Ho provato a guardare i perni con una lente di ingrandimento e le due estremitá sembrano avere la stessa dimensione e nessuna delle due presenta fessure.

    La rigrazio anticipatamente per il Suo cortese aiuto.

    Cordiali saluti.

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Gent.mo [email protected],
      grazie di cuore per i complimenti e per aver visitato il nostro blog.
      Se i perni non presentano fessure, da nessuna delle due parti, probabilmente è indifferente il verso di inserimento perché la parte che stringe il perno è all’interno della maglia.
      In questi casi a volte è presente un canotto all’interno e occorre fare attenzione (se c’è) che non sfugga via.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
  14. Airin
    Airin dice:

    Grazie mille per la guida, è stata decisiva! Abbiamo preso un Casio Edifice online, perchè il nostro orologiaio non lo aveva, e mi scocciava doverlo portare da lui ad accorciare.

    Ma con questa guida (e con un kit da pochi euro) ed alcune prove su un orologio vecchio, in 5 minuti abbiamo risolto!

    Ora che l’ho fatto, posso dire che trattavasi di una bischerata semplicissima, ma col senno di poi è tutto più semplice, no? Senza guida…ero persa!

    Rispondi
  15. francesco
    francesco dice:

    ho provato a seguire le sue istruzioni usando come perno un ago pero pur dando dei colpetti con il martello sullo stesso i perni non sono usciti… non vorrei forzare l’orologio rischiando di rovinarlo, lei cosaa mi consiglia?

    Rispondi
  16. Simone Giro
    Simone Giro dice:

    Enrico,

    le volevo chiedere se il discorso della ricarica solare con corona estratta vale anche per il super pilot. Perchè di radiocontrollati ne ho avuti 3 con questo e non li ho mai ricaricati con corona estratta ma semplicemnete portandoli al polso.
    Volevo inoltre chiederle se la corona di carica ha un o-ring o come previene l’infiltrazione di acqua.

    Rispondi
  17. Simone Giro
    Simone Giro dice:

    Ma le boccole per ogni maglia sono 2 o 1? Perchè io ho rimesso una maglia e ho utilizzato solo una boccola e tutto funziona bene in fatti il perno non si muove assolutamente

    Rispondi
  18. Enrico Cannoletta
    Enrico Cannoletta dice:

    Buongiorno Simone.

    La quantità di boccole dipende dal tipo di produzione del bracciale.
    Tecnicamente, comunque, una dovrebbe essere sufficiente in quanto blocca lo slittamento del perno.

    La ricarica con l’albero di messa in orario estratto vale per tutti.

    Salutoni

    Rispondi
  19. flavia
    flavia dice:

    Buon pomeriggio, volevo chiederLe il nome esatto dell’attrezzo che viene utilizzato in orologeria per togliere le maglie superflue di un orologio perché vorrei acquistarlo. La ringrazio

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Buon pomeriggio Flavia,
      grazie per aver visitato il nostro blog.
      L’attrezzo per estrarre le maglie da bracciale con perni si chiama “spernatrice”.
      Tenga conto che si possono utilizzare anche semplicemente un martellino è un punzone di adeguata misura.
      Acquistando un set completo con la spernatrice avrà tutto il materiale a disposizione.
      Cordiali saluti.

      Rispondi
  20. Silvano
    Silvano dice:

    Salve, ho un Breil Chrono e visto che il bracciale é pesante per i miei gueti vorrei sostituirlo con uno in cuoio.
    Naturalmente le frecce per estrarre le anse dalle maglie imperniate alla cassa non ci sono ed ho provato a ribatterle con un chiodo della stessa dimensione del foro di’ingresso delle anse stesse ,ma nulla da fare.
    Quali suggerimenti potete darmi?
    Grazie
    Silvano

    Rispondi
  21. Francesco
    Francesco dice:

    Buongiorno, mi hanno recentemente regalato un tag aquaracer e devo togliere due maglie. in questo orologio non ci sono frecce sulla maglia, significa che possono essere estratti da entrambi i lati? grazi mille per la risposta

    Rispondi
    • Enrico Cannoletta
      Enrico Cannoletta dice:

      Buongiorno Francesco.
      I bracciali degli orologi Tag-Heuer sono molto particolari e in alcuni casi necessitano di un attrezzo apposito per eliminare le maglie. Inoltre variano da referenza e modello.
      Se avesse la possibilità di fotografare il bracciale potremmo aiutarla meglio indicandole le modalità migliori

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *