Facebook: Tag-Heuer sfonda quota 800.000

caj2110.ba0872Ogni orologiaio degno di questo nome ne è assolutamente conscio, e deve ammetterlo aldilà di ogni considerazione o simpatia personale: in Orologeria le maison che hanno fatto la tradizione, sconfinando nella leggenda, sono cinque, la cui Storia è tale da portarle ad essere definite le “Five Old Ladies”.

I loro nomi, in rigoroso ordine alfabetico sono: Audemars Piguet, Breguet, Girard Perregaux, Patek Philippe e Vacheron Constantin.

Alcune tra esse rappresentano tuttora un mito, altre sono elegantemente definite … un po’ assopite.

Che qualcosa stia cambiando?

I dati di vendita nel mondo vedono un testa a testa strettissimo per la prima piazza tra Rolex e Omega, con Cartier e Longines a seguire, seppur molto distanziate.

Ma l’Orologeria non è solo business: è soprattutto fantasia e sogno.

C’è da chiedersi quindi cosa ci sia nell’immaginario delle nuove generazioni, che con i fatti stanno dimostrando un interesse mai trascurato nei confronti della classica misurazione del Tempo.

Lo strumento principe, perchè non manipolabile e quindi in grado di costituire il termomentro dei desideri è sicuramente Facebook.

La classifica derivante dal numero dei fans delle maison dell’Alto di Gamma e del Lusso riserva delle sorprese di entità notevole.

Saldamente al primo posto, con oltre 805.000 fans, più del doppio del più vicino dei competitor, troviamo una maison storica che ha saputo evidentemente cogliere il filone giusto tra le corde dei giovani: Tag-Heuer.

In seconda e terza posizione abbiamo un’altra grande del passato: IWC, immediatamente seguita a ruota da Hublot e Montblanc, marchi importanti ma la cui somma di età in campo orologiero supera a malapena i 50 anni.

E’ logico quindi chiedersi i motivi di questo rivoluzionario incedere, e la risposta potrebbe risiedere in una sola parola: Tecnologia.

Tag-Heuer, infatti è il brand che più di ogni altro ha dimostrato la capacità di rinnovarsi in modo dinamico, cogliendo nel segno tutto ciò che ci si aspetta oggi da un marchio dell’Orologeria moderna, ovvero la novità tecnica in grado di stupire e di trasformare anche concettualmente la misurazione meccanica del Tempo.

Gli esempi sono eclatanti, e rispondono ai nomi di Monaco V4, il primo orologio con trasmissione a cinghie in carbonio, che ha ripensato letteralmente il sistema meccanico di propulsione del ruotismo, fermo da sempre al sistema tradizionale; oppure Mikrogirder, il primo orologio la cui parte cronografica dell’organo oscillatore non è più il bilanciere come avviene da secoli, ma un sistema geniale di levismo in grado di raggiungere una frequenza mai sperata prima. E questo solo per citare due tra le tante e clamorose soluzioni tecniche di Tag-Heuer. Senza parlare di Pendolum, il primo orologio da polso meccanico con moto praticamente perpetuo, senza spirale ma con due magneti permanenti sul bilanciere.

Ma quello che riesce addirittura a stupire in modo maggiore, riguardo a Tag-Heuer, è la sua capacità di essere presente come protagonista, e quindi con la sua cultura tecnica e opera di supporto, alle manifestazioni più suggestive del mondo.

Troviamo Tag-Heuer partner del GP automobilistico di Monaco, unico circuito cittadino di un Campionato di Formula 1 sempre più esasperato tecnologicamente, oppure affianco al Defender di America’s Cup Oracle nella gara velistica più importante della Storia.

Questo impegno di Tag-Heuer è mirato unicamente in una direzione: quella dell’arricchimento del suo catalogo rivolto agli utilizzatori finali.

Questo deve essere il motivo di tanto successo.

Chi indossa un Tag-Heuer è al corrente che non si tratta di un orologio qualunque, ma che deriva da uno studio peculiare e particolare, ed ogni dettaglio è stato pensato e valutato con cura proprio per quello specifico esemplare, ed è stato adottato dopo una serie infinita di test anche molto stressanti al fine di metterne alla prova robustezza e durabilità nel tempo.

Nascono quindi esemplari come i recenti Aquaracer, i quali si affiancano alle collezioni Carrera e Monaco, da sempre vincenti e ricercate dai Collezionisti, che tengono altissimo il livello del prezzo di questi segnatempo, i quali si trovano sul mercato del secondo polso a prezzi vicinissimi a quello di listino dei corrispondenti modelli nuovi.

Ma non è solo il lucroso investimento economico a muovere gli appassionati.

Per renderci conto direttamente, analizziamo nel dettaglio e a titolo di esempio Tag-Heuer CAJ2110.BA0872.

Siamo di fronte ad un orologio, che pur non essendo uno tra quelli celebrativi di eventi eccezionali, riassume in sè tutte le caratteristiche che conferiscono un segnatempo di prestigio quel valore aggiunto che lo trasforma in un best-seller.

Il look è quello solito della Collezione Aquaracer, particolarmente portata a conferire un’immagine di una eleganza grintosa e “maschia”.

Tutti i dettagli di questo orologio hanno una precisa ragione d’essere, e non solo una funzione decorativa o estetica.

Ad esempio, i cavalieri che abbelliscono non poco la ghiera uniderezionale, hanno lo scopo di coistituire un comodo punto d’appoggio per la sua maneggevolezza, in modo da poterla utilizzare anche durante le immersioni e calzando guanti.

La valvola d’elio è stata collocata nella classica posizione ad ore “10” e autorizza Tag-Heuer CAJ2110.BA0872 a definirsi subacqueo professionale, visto che le altre caratteristiche obbligatorie ai fini di questo “titolo” sono effettivamente presenti.

L’orologio è infatti anche dotato di corona e ad abundatiam anche di fondello a vite, i quali, con le guarnizioni o-ring e il vetro zaffiro ne garantiscono un’impermeabilità assoluta fino a ben 500 metri di profondità.

Persino il quadrante non presenta unicamente valenze estetiche. L’elegante motivo “teak” antracite scura su nero, che ne conferisce un aspetto contemporaneamente elegante e austero, assolve la funzione di impedire fastidiosi riflessi di luce e delle gocce d’acqua.

L’orologio è equipaggiato dal favoloso calibro 16, che ha fatto e sta facendo la fortuna della maison, insieme al nuovo calibro 1887 di manifattura.

Possiamo quindi affermare che Tag-Heuer CAJ2110.BA0872 può vantare a pieno titolo della dignità di eccellenza nel campo dei segnatempo di prestigio, e che raccoglie al meglio quell’eredità di tecnologia e affidabilità che il brand si è giustamente conquistato sul campo.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.