E se Bulova ..?

Le nuove strategie del marchio Bulova sono abbastanza evidenti, e dimostrano il grande dinamismo e l’impegno dei manager che costituiscono, in questo particolare momento del mercato, un vero valore aggiunto.

Tante sono infatti le novità introdotte dal brand del diapason, che, forte del suo inserimento in un progetto globale in cui la tecnologia la fa da padrona, sta seminando correttamente.

A questo proposito si può citare un recente evento che ha visto la presenza contemporanea a Milano del Presidente Dennis W. Perry e del Chairman Fusamitsu Natori, i quali hanno voluto incontrare, insieme ai giornalisti e allo staff della filiale italiana, guidato dal direttore Generale Andrea Pozzi, anche due concessionari nelle persone di Alberto Palma, della omonima gioielleria di Monza, e il sottoscritto in rappresentanza di Cannoletta Antica Gioielleria di Sanremo.

Inutile dire che l’incontro è stato molto significativo, soprattutto per la quantità di notizie di prima mano che i due Top-Manager hanno voluto ufficializzare in quella sede.

Mr. Perry ha confidato i motivi di soddisfazione della Presidenza per lo sviluppo futuro di cui si è detto certo circa l’immagine del brand nel nostro Paese, che sarà supportata in modo massiccio attraverso la presentazione di linee che avranno un grande impatto qualitativo ed estetico.

Ad esempio sono state portate le ultime due creazioni di Bulova Accutron, e del marchio di bandiera Bulova, rispettivamente EFAS Calibrator e Precisionist, che costituiscono novità di grande rilievo nel panorama orologiero.

Di grande importanza è anche la notizia dell’acquisizione da parte della capofila Citizen, della fabbrica svizzera di movimenti meccanici Perret, che garantirà il futuro produttivo del gruppo nel campo dell’orologeria svizzera meccanica.

Di certo c’è che questo brand è il precursore di un’epoca, e contemporaneo proponente di un progetto che vede tre nazioni ad altissimo potenziale tecnologico, alleate per la prima volta in un’avventura tecnico-commerciale che le accomuna: Stati Uniti d’America, Giappone e Svizzera, ognuna di esse impegnate con le reciproche competenze attraverso protagonisti assoluti. E scusa se è poco …

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.