Da Namarie l’Africa del 1700.

La nuova collezione di Namarie, la dinamica maison Italiana che opera nel settore del lusso low-cost della Gioielleria, si ispira al Continente nero, e precisamente al Mali.

La linea “Dogon” della Collezione “L’Africa dentro” propone infatti alcuni reperti di artigiani Malieni, che utilizzano magistralmente la fusione del bronzo in cera persa, secondo una tecnica tri-centenaria, integrati in bracciali di corda oppure in fettucce di cuoio.

I soggetti utilizzati sono gli stessi che le donne Maliene usano come distanziatori nelle loro collane di perle colorate.

I colori dell’Africa nera, rosso, verde, giallo e nero, vengono alternati con colori di tendenza quale il rosa, il fucsia ed il verde militare, a simboleggiare un’integrazione di gusto e nel rispetto delle peculiari tradizioni.

I Dogon rappresentano un’etnia culturalmente aristocratica dell’Africa tropico-equatoriale, e si ritengono i veri “figli delle Stelle”.

La loro tradizione orale, che affonda le radici in un misto tra Storia e Leggenda, narra che gli antenati di queste orgogliose e riservate tribù, i mitici Nommi, fondatori dell’etnia,  discesero dalle stelle.

A sostegno di ciò, alcuni studiosi portano come prova la straordinaria e inspiegabile conoscenza astronomica dei Dogon, da millenni in possesso di cognizioni, tra le quali alcune solo ora manifestatesi agli astronomi moderni.

Namarie ha quindi raccolto questa affascinante tradizione, e ha creato una linea in equilibrio tra due culture e la Storia.

Sempre dal Mali, ma con una connotazione assolutamente più storica è la seconda linea della Collezione “L’Africa dentro”, e precisamente “Perle degli Alisei”.

Si tratta delle famose perle “Millefiori” in pasta di vetro, usate nel 1700 dai mercanti veneziani come merce di scambio con le popolazioni africane.

Il commercio divenne così fiorente che oggi il flusso di questa merce si è capovolto, e sono gli Europei ad importare dal Mali le perle.

Coloratissime e molto ricche di fascino, le perle in pasta di vetro vengono utilizzate per costruire i più bei gioielli delle donne dell’Africa equatoriale.

Le più piccole, di colore blu, sono definite “Perle degli Alisei” perchè particolarmente ricercate in passato, e reperibili al presente, presso le tribù Dogon nomadi, le cui carovane seguivano la direzione dei venti Alisei.

In questo caso Namarie ne ha ricavato una linea dedicata a gioielli più particolari, le cui prime espressioni sono gli orecchini per signora.

Le Collezioni di Namarie si impongono in questo momento come un intelligente scelta che garantisce esclusività e originalità per un bellissimo regalo di Natale.

Il prezzo è una splendida sorpresa che non può che rendersi gradita.

Dopo il successo della Collezione “I Gioielli delle Fate” e la geniale proposta de “L’Africa dentro”, la maison Italiana ha allo studio creazioni in argento e in oro, delle quali non trapela alcun dettaglio, ma che sarebbero attese rispettivamente nel corso del 2012 e del 2013.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *