Citizen 0,45 Lady: oltre l’incredibile

Con il lancio della collezione 0,45 pareva che Citizen avesse ottenuto il massimo riguardo alla tecnologia Eco-Drive.

Contenere infatti cella solare, modulo elettronico, ruotismo e accumulatore in soli 4,5 millimetri di spessore, e per di più rispettando gli standard qualitativi che il colosso giapponese si auto-impone, poteva apparire il limite invalicabile dell’incredibile.

A distanza di pochi mesi, invece, siamo nuovamente qui a stupirci per un nuovissimo record.

La tecnologia studiata per i modelli 0,45 è stata convertita e miniaturizzata per un orologio da donna.

Il significato di questa impresa è perfettamente intelleggibile: Citizen riesce ad arrivare oltre all’immaginabile.

Alcuni esponenti di case concorrenti tentavano in modo improbabile di minimizzare il risultato ottenuto con la prima collezione, sostenendo semplicisticamente che gli 0,45 altro non erano che un abile gioco ad incastro per distribuire in larghezza quel che non si poteva sistemare in spessore.

0,45 Lady arriva puntuale a smentire queste tesi che tra gli addetti ai lavori non avevano trovato comunque sostenitori.

La collezione copre le esigenze estetiche di chi ama l’eleganza sobria e fine a se stessa.

Non manca però il richiamo ad un gusto ed un vezzo tutto femminile: quello dell’esclusività.

Ecco nascere quindi la versione con il tour di diamanti sulla lunette, per impreziosire di luce e valore l’alta tecnologia proposta.

Chi sceglierà il modello con diamanti avrà anche a disposizione una scelta di tre cinturini in coccodrillo, di diversi colori, per abbinare l’orologio all’abbigliamento o all’umore.

E questo è solo un piccolo antipasto, un’anteprima prestigiosa per quello che potrebbe essere l’evento 2012: la presentazione della nuova collezione femminile di Citizen scelta, valutata e fortemente voluta da Dante Grossi, il manager Italiano di scuola orologiera svizzera più amato e ascoltato in Giappone.

Con Citizen l’incredibile è più lontano!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.